Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it

Gli integratori possono aumentare il rischio di tumore


I consumatori hanno bisogno di maggiori informazioni e indicazioni sui rischi potenziali, così come sui benefici, nell'utilizzo di integratori alimentari per la prevenzione dei tumori.

Prove emergenti hanno dimostrato che alte dosi di alcuni integratori possono effettivamente aumentare il rischio di cancro, coma hanno riportato alcuni ricercatori della University of California di San Diego negli Stati Uniti.

Oltre a un ruolo nel trattamento di alcune carenze nutrizionali comuni, sugli integratori alimentari esistono pochissimi dati a supporto dei benefici per la salute nella prevenzione delle malattie, in particolare del cancro.

Nonostante questa evidenza ( di danno potenziale ), le campagne di marketing delle industrie produttrici di integratori continuano a suggerire benefici anti-tumorali.

Dal 2003 al 2006 il National Health and Nutrition Examination Survey ( NHANES ) ha mostrato che la metà degli adulti statunitensi utilizza uno o più integratori alimentari, primi fra tutti gli integratori multivitaminici / multiminerali ( NCHS Data Brief 2011 ).
In assenza di dati provenienti da studi osservazionali o da sperimentazioni cliniche, l'uso di integratori è stato alimentato soprattutto dalle affermazioni di marketing riguardo agli ampi benefici.

Per valutare lo stato attuale dei dati a sostegno dell'uso di integratori, è stata esaminata la letteratura riguardante gli integratori che sono stati testati in studi clinici con adeguata potenza o in grandi studi osservazionali ben progettati. La revisione ha compreso dati a sostegno dell'uso di antiossidanti, Acido Folico, Vitamina D e Calcio per prevenire il cancro.

Gli studi preclinici hanno suggerito che gli antiossidanti dietetici, tra cui Beta-carotene, Alfa-tocoferolo e Vitamina C, favoriscono la crescita di cellule e tessuti normali e inibiscono la crescita di tessuto anomalo.
Tuttavia, gli studi clinici non sono riusciti a confermare i dati favorevoli ottenuti in laboratorio:

- Beta-carotene non previene la recidiva di tumore cutaneo non-melanoma;

- Beta-carotene, Alfa-tocoferolo e Vitamina-C non sono stati in grado di prevenire la recidiva di adenomi del colon;

- Beta-carotene, Vitamina A e Alfa-tocoferolo non sono riusciti a prevenire il tumore del polmone;

- Vitamina-C e Vitamina-E non proteggono contro il cancro;

- Alfa-tocoferolo, Vitamina-C e Beta-carotene non hanno ridotto l'incidenza di umore o di mortalità;

- Beta-carotene, Vitamina-A, Vitamina-C e Vitamina-E ( da soli o in combinazione ) non hanno impedito lo sviluppo di tumori gastrointestinali;

- L'Alfa-tocoferolo e il Selenio non sono riusciti a prevenire il cancro alla prostata negli uomini a medio rischio.

Unica eccezione a questi studi negativi sugli antiossidanti è stato uno studio di prevenzione in Cina, che ha mostrato una riduzione del 13% nella mortalità per cancro e una riduzione del 21% nella mortalità per tumore gastrico in partecipanti randomizzati ad una combinazione di Beta-carotene, Vitamina-E e Selenio ( J Natl Cancer Inst 1993 ).
Tuttavia, un sottostudio dell'indagine cinese non ha mostrato alcun effetto dell'integratore multivitaminico / multinutriente sull'incidenza del cancro nei soggetti con evidenza citologica di displasia esofagea ( J Natl Cancer Inst 1993 ).

Numerosi studi sugli antiossidanti hanno mostrato un aumentato rischio di cancro con l'integrazione alimentare.
Gli esempi più salienti sono stati due studi randomizzati di pazienti ad alto rischio di cancro ai polmoni a causa del fumo o dell'esposizione all'amianto. Entrambi gli studi clinici hanno mostrato un'aumentata incidenza di cancro al polmone nei soggetti randomizzati a Beta-carotene.

I dati di laboratorio e osservazionali hanno suggerito un effetto protettivo dell'Acido Folico verso il cancro, in particolare verso il tumore del colon-retto.
Tuttavia, una meta-analisi di studi randomizzati non ha mostrato alcun effetto della supplementazione con Acido Folico sullo sviluppo di adenomi colorettali ( Int J Cancer 2011 ).

Due diversi studi randomizzati hanno mostrato un aumento del rischio di cancro ( prostata ) e di lesioni precancerose ( adenomi del colon ) tra coloro che hanno assunto Acido Folico per lungo periodo.

L'Institute of Medicine ( IOM ) ha recentemente aggiornato le proprie raccomandazioni sulla Vitamina-D e sull'assunzione di Calcio, e ha dichiarato che non ci sono prove sufficienti per affermare che vi sia un nesso causale tra bassa assunzione di Vitamina-D e rischio di tumore.

Studi epidemiologici hanno dimostrato associazioni inverse tra i livelli sierici di 25-Idrossivitamina D [ 25(OH)D) ] e diversi tipi di tumore.
Tre studi randomizzati a breve termine non sono riusciti a dimostrare un effetto della supplementazione di Vitamina D sull'incidenza del cancro o sulla mortalità.
Studi osservazionali hanno fornito dati contrastanti sull'associazione tra concentrazioni di Vitamina D e rischio di tumore al pancreas.
Sono necessari altri studi per determinare se la Vitamina-D abbia effetti preventivi sul cancro. ( Xagena2012 )

Fonte: Journal of the National Cancer Institute, 2012


Onco2012 Farma2012


Indietro