OncologiaMedica.net
Neurologia
Gastroenterologia.net

L’Acido Salicilico blocca l’attività della proteina infiammatoria HMGB1, coinvolta in numerose gravi patologie


Un recente studio ha scoperto che l'Acido Salicilico è diretto contro l'attività di HMGB1, una proteina infiammatoria associata a numerose patologie, offrendo la speranza che possano essere sviluppati farmaci Aspirina-like più potenti.

L'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) è uno dei farmaci più antichi e più comunemente utilizzati, ma molti dei suoi effetti benefici sulla salute non sono noti.

I ricercatori del Boyce Thompson Institute ( BTI ), in collaborazione con i colleghi della Rutgers University e dell’Istituto di ricerca del San Raffaele di Milano, hanno dimostrato che il principale prodotto di degradazione dell’Aspirina, l’Acido Salicilico, blocca HMGB1, spiegando in tal modo molte delle sue proprietà terapeutiche.

La proteina HMGB1 è associata a molte gravi patologie negli esseri umani, tra cui artrite reumatoide, malattie cardiache, sepsi e tumori associati all'infiammazione, come il cancro del colon-retto e il mesotelioma.

Gli effetti antidolorifici dell'Aspirina sono stati a lungo attribuiti alla sua capacità di bloccare gli enzimi cicloossigenasi 1 e 2, che producono prostaglandine, sostanze simili a ormoni che causano infiammazione e dolore, una scoperta che è valsa al suo scopritore, John Vane, il premio Nobel.
Tuttavia, l’organismo converte rapidamente l’Aspirina in Acido Salicilico, un inibitore della cicloossigenasi 1 e 2 molto meno efficace dell'Aspirina, pur avendo effetti farmacologici simili, indicando che l'Acido Salicilico sia in grado di interagire con altre proteine .

In questo studio, pubblicato su Molecular Medicine, i ricercatori hanno dimostrato l'interazione tra Acido Salicilico e HMGB1 mediante screening di estratti preparati da cellule di coltura di tessuti umani per identificare proteine in grado di legarsi all’Acido Salicilico.
Una di queste proteine è HMGB1.

Questi screening hanno anche permesso di identificare un sospetto fattore chiave nelle malattie neurodegenerative come la malattia di Alzheimer e la malattia di Parkinson, oltre a circa due dozzine di altri candidati che devono ancora essere caratterizzati.

Nell’organismo, HMGB1 si trova normalmente nel nucleo, ma può entrare nel flusso ematico quando viene rilasciata da tessuti danneggiati o secreta da alcune cellule del sistema immunitario o da cellule tumorali.
Nel torrente ematico la proteina innesca l’infiammazione reclutando cellule immunitarie coinvolte nella prevenzione delle infezioni e nella riparazione dei tessuti danneggiati.
HMGB1 attiva anche le cellule immunitarie reclutate in modo che esprimano geni che codificano per le citochine, proteine cellulari di segnalazione pro-infiammatoria.

Per approfondire le interazioni tra Acido Salicilico e ruolo di HMGB1 nell’organismo, Daniel Klessig, principale autore dello studio, ha collaborato con Marco Bianchi dell’Istituto di Ricerca del San Raffaele, il quale aveva in precedenza scoperto che HMGB1 è un trigger di infiammazione.
Utilizzando test per misurare gli effetti dell'Acido Salicilico sul reclutamento e sulla attivazione delle cellule immunitarie, hanno mostrato che l'Acido Salicilico può bloccare entrambe queste funzioni a concentrazioni simili a quelle che si trovano nelle persone in terapia con basse dosi di Aspirina.

Il gruppo di ricercatori guidato da Klessig ha individuato due derivati dell'Acido Salicilico, molto più efficaci dell’Acido Salicilico stesso nel bloccare le attività pro-infiammatorie di HMBG1.
Un composto è stato sintetizzato in laboratorio, mentre un secondo è stato isolato da una pianta di liquirizia utilizzata nella medicina cinese tradizionale.

Le analisi di questi derivati hanno rivelato che determinate modifiche apportate all’Acido Salicilico possono aumentare la forza della sua interazione con HMGB1, fornendo le basi per la progettazione di nuove molecole Aspirina-like. ( Xagena2015 )

Fonte: Boyce Thompson Institute, 2015

Farma2015


Indietro