OncologiaMedica.net
Mediexplorer
Gastroenterologia.net

I benefici delle statine nella prevenzione cardiovascolare primaria e secondaria sono superiori al rischio di diabete mellito


Vi è generale consenso riguardo all’ampio corpo di evidenze a sostegno della efficacia e della sicurezza delle statine nel ridurre la morbilità e la mortalità cardiovascolare nella prevenzione primaria e secondaria, anche tra i pazienti con diabete mellito.
Al contrario, c’è una controversia sui rischi reali e percepiti delle statine.

Nel 2012, su 27 studi pubblicati, nessuno dei quali era stato progettato a priori per verificare l'ipotesi che le statine fossero associate a rischio di diabete, solo 6 ( 22% ) hanno segnalato insorgenza di diabete mellito di nuova diagnosi.
Pertanto, la correlazione tra statine e diabete mellito dovrebbe essere considerata un’ipotesi, non una evidenza.
Di questi 6 studi, 2 hanno riportato risultati statisticamente significativi, mentre in 4 non c’era significatività. Dei 2, i risultati erano opposti.
Il primo, WOSCOPS ( West of Scotland Coronary Prevention Study ), ha concluso che c’era evidenza di un effetto protettivo del trattamento con Pravastatina sul diabete. In particolare, è emersa una diminuzione, statisticamente significativa, del 30% del rischio di diabete mellito di nuova diagnosi ( rischio relativo [ RR ] 0.70, IC 95%, 0.50-0.98, P=0.036 ) fra i pazienti assegnati in modo casuale a terapia con statina.
Il secondo studio, JUPITER ( Justification for the Use of Statins in Primary Prevention: an Intervention Trial with Rosuvastatin ), ha riportato un’inaspettata associazione positiva, statisticamente significativa, del 25% tra Rosuvastatina e diabete di nuova diagnosi ( RR=1.25, IC 95%, 1.05-1.49, p= 0.01 ). Questo risultato era inaspettato in quanto, sulla base dei risultati dello studio WOSCOP, era stato ipotizzato a priori un beneficio. Inoltre, lo studio è stato interrotto precocemente, dopo 1.9 anni, a causa della comparsa di un beneficio del 44% sull’endpoint primario combinato di malattia cardiovascolare e un beneficio del 20% sulla mortalità totale.
Al contrario, lo studio HOPE-3 ( Heart Outcomes Prevention Evaluation ) è terminato nel tempo previsto di 5.6 anni, e ha riportato una associazione statisticamente significativa tra Rosuvastatina e diabete mellito.

Nel 2010, 13 studi, nessuno progettato a priori per verificare l'ipotesi di un legame tra statine e diabete, sono stati inclusi in una meta-analisi. Dei 13, 11 non hanno riportato alcuna associazione statisticamente significativa e 4 hanno mostrato una tendenza protettiva. In questa meta-analisi, è stata riportata una piccola ma statisticamente significativa associazione del 9% tra statine e il diabete ( RR=1.09, IC 1.02-1.17 ).
Il range dell'intervallo di confidenza ha indicato che il rischio oscilla tra il 2% e il 17%.
Anche supponendo che i risultati siano reali, dovrebbero essere trattati con una statina per 4 anni 255 pazienti per avere diagnosi di diabete mellito in 1 paziente.
In questa stessa popolazione ( n=255 ), il trattamento con statine potrebbe impedire 9 eventi vascolari maggiori a esito non-fatale e fatale.
Pertanto, anche ammettendo la causalità, i benefici delle statine superano di gran lunga il potenziale rischio di diabete mellito.

Nel 2011, 5 studi sono stati inclusi in una meta-analisi che ha valutato un trattamento a base di statine intensivo con uno meno intensivo; la meta-analisi era stata progettata a priori per testare gli eventi clinici cardiovascolari, ma non il diabete.
Dei 5 studi, 4 non hanno raggiunto la significatività statistica.
Nella meta-analisi, è stato riportato un piccolo ma statisticamente significativo aumento del 12% del rischio di diabete ( RR=1.12, IC 95%, 1.04-1.22 ).

Il Cholesterol Treatment Trialists ( CTT ) Collaboration ha pubblicato diverse meta-analisi di studi disegnati a priori per verificare l'ipotesi dei benefici delle statine sugli eventi vascolari, ma non riguardo al diabete, utilizzando i dati dei singoli pazienti.
I ricercatori hanno concluso che sul presupposto della causalità, il beneficio assoluto netto osservato con la terapia a base di statine in questi soggetti è 50 volte superiore a qualsiasi effetto putativo sul diabete. In particolare, è stata riscontrata una diminuzione di 11 eventi vascolari maggiori per 1.000 trattati per 5 anni per 1 millimole per litro ( mmol/L ), o 39 milligrammi per decilitro ( mg/dl ) di riduzione del colesterolo LDL.
Inoltre, gli studi con le statine e follow-up a lungo termine hanno mostrato che le riduzioni assolute degli eventi vascolari maggiori aumentano con l’assunzione delle statine, e che questi benefici persistono per almeno 5 anni dopo la discontinuazione del farmaco, senza alcuna evidenza di qualsiasi effetto avverso emergente nel follow-up prolungato.

Pertanto, la totalità delle evidenze riguardanti le statine e il diabete di nuova diagnosi devono essere considerate come formulazione dell’ipotesi e non verifica dell’ipotesi. ( Xagena2017 )

Hennekens CH, et al American Journal of Medicine, 2017

Endo2017 Cardio2017 Farma2017


Indietro