Gastroenterologia.net
Cardiologia.net
Reumatologia

Anziani: il Testosterone produce miglioramenti dell’anemia e della densità minerale ossea, ma non ha effetto sulla memoria


I Testosterone Trials ( TTrials ) hanno mostrato che un lieve stato anemico e una ridotta densità ossea possono migliorare dopo trattamento con Testosterone gel negli uomini anziani, ma non sono stati osservati benefici sulla memoria.
I TTrials hanno incluso un totale di 7 studi che hanno valutato gli effetti del trattamento con Testosterone su una varietà di endpoint, tra cui anemia, densità minerale e resistenza ossea, memoria e funzione cognitiva, e volume della placca nell’arteria coronaria.

I risultati degli studi sono stati pubblicati su JAMA ( Journal of American Medical Association ) e su JAMA Internal Medicine.
I risultati sulla funzione sessuale, funzione fisica, e vitalità della terapia a base di Testosterone erano stati in precedenza pubblicati su The New England Journal of Medicine ( NEJM ).

Gli studi controllati con placebo hanno riguardato 788 uomini, di 65 anni d’età o più anziani, provenienti da 12 Centri accademici statunitensi; questi uomini presentavano bassi livelli plasmatici di testosterone ( inferiore a 275 ng/mL ) a causa dell’invecchiamento.
I partecipanti sono stati assegnati al gruppo di trattamento con Testosterone gel con l’obiettivo di mantenere il normale range di Testosterone tipico degli uomini di più giovane età ( 500-800 ng/dL ), oppure a placebo.

Anemia

Tra gli uomini più anziani con ipogonadismo e anemia, il trattamento con Testosterone è risultato correlato a un aumento significativo dei livelli di emoglobina.

Dopo trattamento con Testosterone gel, il 54% degli uomini nel gruppo di trattamento con anemia inspiegabile ha presentato livelli di emoglobina con un aumento di almeno 1.0 g/dl nel corso dello studio, contro il 15% del gruppo placebo ( odds ratio aggiustato, aOR=31.5, IC 95%, 3.7 -277.8, P=0.002 ).

Dopo 1 anno di trattamento, il 58.3% degli uomini affetti da anemia inspiegabile non erano più classificati come anemici contro solo il 22.2% del gruppo placebo ( aOR=17.0, IC 95%, 2.8-104.0, P=0.002 ).

Sono stati inoltre segnalati miglioramenti nell’anemia da causa nota, con il 52% degli uomini nel gruppo di trattamento che ha presentato un incremento di almeno 1.0 g/dL dell'emoglobina contro il 19% dei soggetti trattati con placebo ( aOR=8.2, IC 95%, 2.1-31.9; P=0.003 ).

Tra gli uomini che non erano anemici al basale, il trattamento con Testosterone ha provocato eritrocitosi con un livello di emoglobina di oltre 17.5 g/dL in 6 partecipanti durante lo studio.

Tra i 114 pazienti anemici valutati ( concentrazioni di emoglobina di 12.7 g/dl o valore inferiore ), 56 partecipanti avevano anemia inspiegabile ( n=24 trattamento; n=32 placebo ), mentre 58 avevano anemia da causa nota ( n=26 trattamento; n=32 placebo ) tra cui mielodisplasia, carenza di ferro, carenza di vitamina B12, malattia cronica o infiammazione, e discrasia plasmacellulare.
Sono stati anche valutati un totale di 630 pazienti non-anemici ( n=324 trattamento; n=306 con placebo ).
I partecipanti sono stati sottoposti a misurazioni ematiche ogni 3 mesi nel periodo compreso tra basale e 1 anno.

Questo è stato il primo studio che ha individuato un trattamento efficace per l'anemia inspiegabile negli uomini più anziani.
Tuttavia, queste conclusioni hanno riguardato solo gli uomini, di 65 anni d’età o superiore, con bassi livelli di testosterone; queste conclusioni non possono pertanto essere estese a uomini con normali concentrazioni di testosterone.

Densità minerale ossea

Il trattamento con Testosterone è risultato associato a un aumento della densità minerale ossea volumetrica ( vBMD ) e della resistenza ossea stimata

La densità minerale ossea volumetrica media dell’osso trabecolare della colonna vertebrale è risultata aumentata tra coloro che erano stati sottoposti a trattamento con Testosterone rispetto al gruppo placebo ( 7.5%, IC 95%, da 4.8% a 10.3% versus 0.8%, IC 95%, da -1.9% a 3.4%; P inferiore a 0.001 ).

E’stato anche osservato che il trattamento con Testosterone era associato a un significativo aumento della resistenza media stimata dell’osso trabecolare della colonna vertebrale rispetto al gruppo placebo ( 10.8%, IC 95%, 7.4% -14.3% versus 2.4%, IC 95%, da -1.0% a 5.7%; P inferiore a 0.001 ).

Tra i gruppi di trattamento, i miglioramenti sono stati osservati nella densità minerale ossea volumetrica della colonna vertebrale; nella densità minerale ossea volumetrica dell’anca; nella resistenza ossea della colonna vertebrale; e nella resistenza ossea dell’anca.

Memoria

Negli uomini con compromissione della memoria associata all'età, il trattamento con Testosterone non è risultato associato ad alcun miglioramento riguardo alle prestazioni della memoria ( memoria logica ), rispetto al gruppo placebo ( differenza stimata aggiustata -0.07, IC 95%, da -0.92 a 0.79, P=0.88 ).

Il trattamento con Testosterone, inoltre, non ha prodotto miglioramenti riguardo agli esiti secondari: a) memoria visiva alla scala BVRT ( Benton Visual Retention Test ): -0.28 ( IC 95%, da -0.76 a 0.19, P=0.24 ); b) funzione esecutiva alla scala Trail-Making Test B minus A: -5.51 ( IC 95%, da -12.91 a 1.88, P= 0.14 ); capacità spaziali alla Card Rotation Test: -0.12 ( IC 95%, da -1.89 a 1.65, P=0.89 ).

Il sottostudio ha preso in esame una coorte di 493 uomini partecipanti ai TTrials. L'analisi finale ha riguardato 247 uomini che erano stati trattati con Testosterone gel e 245 uomini con placebo.
La memoria è stata valutata al basale, a 6 mesi e a 1 anno.

I soggetti nel gruppo di trattamento con Testosterone avevano una maggiore probabilità di presentare eritrocitosi ( livelli di emoglobina, maggiori o uguali a 17.5 g/dl ).

Nonostante non sia emerso alcun beneficio del trattamento con Testosterone gel sulla memoria e sulla attività cognitiva, studi precedenti avevano, invece, riportato miglioramenti nella memoria verbale dopo il trattamento.
Le differenze negli esiti dello studio potrebbero essere attribuiti alla modalità di trattamento e alle caratteristiche dei partecipanti, come il trattamento con gel di Testosterone anziché Testosterone iniettabile. ( Xagena2017 )

Fonte: JAMA, 2017

Emo2017 Neuro2017 Endo2017 Farma2017


Indietro